ROSE DI MELA

Che cos’è l’Amor…

Nei paraggi di questa cucina, vivono due pesci: uno rosso sbiadito, direi quasi bianco, ed uno nero. Li hanno voluti e scelti due bimbi: il Poeta ed il Vichingo. Quello rosso sbiadito, all’inzio si chiamava Tremolino, poi visto che bisognava dare un po’ di incoraggiamento a lui e al bimbo che lo aveva scelto così (manco a dirlo, il Poeta) il suo nome è mutato in Winter, per via di quella strana tendenza da pesce rosso a scolorire in bianco. L’altro invece, manco a dirlo, si è sempre chiamato Bomb.

Read More

CREMA DI CAFFÈ

“There is freedom waiting for you,
on the breezes of the sky,
And you ask “What if I fall?”
Oh but my darling,
What if you fly?”
― Erin Hanson

Difficilmente condivido sui social i miei stati d’animo più profondi. Esattamente mai. Rimango e rimarrò a lungo quel genere di persona che preferisce una sana confidenza vis à vis con un’amica o col compagno per raccontarsi e confrontarsi, o che sceglie di lasciarsi andare attraverso uno sguardo o un gesto.

Read More

CREMA DI FINOCCHI, ASPARAGI E MASCARPONE

Una, nessuna, centomila …
La giornata tipo di un flipper.
Aprire gli occhi. Puntualmente: un’ora prima che la sveglia inizi a trillare e tra le nebbie del sonno iniziare a passare in rassegna un elenco interminabile di pensieri. Poi riassopirsi: pochi minuti prima prima che la stessa ti scaraventi definitivamente giù dal letto. Una manciata di attimi ancora di silenzio, infine il risveglio, frenetico, dell’intera casa. La colazione, i letti da rifare, borse, zainetti, ventiquattrore da riempire di documenti, la cucina da rassettare, i vestiti dell’ultimo minuto ancora da stirare.

Read More

PANNA COTTA AI FRUTTI DI BOSCO CON COULIS DI MORE

Non se ne può proprio più! Capisco che questo non è il luogo per certe riflessioni, ma credetemi, sono giunta al limite della sopportazione. E se non siete preparati a certi discorsi, vi sconsiglio caldamente di proseguire con la lettura. Non voglio discussioni sterili su questo blog e neanche false ipocrisie…

Ci sono razze più o meno fastidiose che insidiano il nostro popolo, ma quella di cui vi parlerò oggi è la peggiore. Sono qui per dirvi che andrebbe completamente sterminata. Gas-ata. Uccisi tutti: maschi e femmine, giovani e adulti. Schiacciati come insetti. La loro esistenza su questa terra non ha alcuna logica motivazione. Dobbiamo liberarcene.

Read More

PETITES QUICHES CON ASPARAGI VIOLA, PRIMO SALE E POMODORINI

Cambiare, mutare, re-inventarsi ogni volta.
I bivi di fronte ai quali ci si ritrova nel proprio percorso di vita sono tanti. Le svolte arrivano, lungo il rettilineo: a volte sono chiare, lapalissiane, altre sono sfuggenti, sommerse e avvengono con lentezza e quasi incoscienza.
Quest’ultime sono quelle che preferisco, soprattutto quando non sono dettate dal mio stesso desiderio di cambiamento. Le altre, adesso, mi spaventano. Nonostante mi ritenga una persona in continua evoluzione, comincio a faticare di fronte alle svolte improvvise, ai cambiamenti dell’ultima ora e la mia innata voglia di rimboccarsi le maniche per pilotare il cambiamento in itinere, temo si stia esaurendo.