CONSUETUDINI D’AUTUNNO: BROWNIES CASTAGNE E CIOCCOLATO

Come un sentiero d’autunno: appena è tutto spazzato, si copre nuovamente di foglie secche. Franz Kafka

Ogni Autunno che ritorna è come un signore un po’ curvo: se ne rimane lì, tutto stretto e ingolfato nel suo cappotto color del miele e passa piano davanti al mio davanzale. Lo vedo camminare a passo lento, trascinando dietro di sé una grande valigia rettangolare gonfia di foglie, legna da ardere e ricci di castagne. Una valigia piena dei colori d’Autunno che come una magia ad ogni suo passo colora d’oro e ruggine ogni piega della terra.

Read More

BISCOTTI LEGGERI CON NOCCIOLE E FRUTTI ROSSI

Quando sarò grande…

È passato del tempo prima che, da adolescente, comprendessi che il mio destino era quello di fare l’architetto. Da piccola, non appena presa la matita in mano, le ho desiderate tutte e tutte erano accomunate da velleità creative ed artistiche. Poi un giorno, appurato che la stilista o la disegnatrice non sarebbero andate bene, sono giunta alla scelta che mi vede per quella che sono e che mi ha regalato più soddisfazioni in termini di inventiva e creatività. Ma fare l’architetto, ahimè, porta con sè anche un grande svantaggio.

Read More

CALDARROSTE CARAMELLATE

Vorrei averne piene le tasche…

collage-2

Vorrei averne piene le tasche…

di foglie d’Autunno, chè riempiano di colore le giornate troppo grigie

ed un pugno di stelle, da sparpagliare in cielo, alla buona occorrenza.

Vorrei averne piene le tasche…

di biglie in vetro, col cuore colorato, per rincorrerle carponi insieme a miei bambini

e una manciata di ricordi, i più belli, da sgranocchiare nei momenti di solitudine.

Read More

CIAMBELLINE AL VINO CON FARINA DI CASTAGNE E ANICE

A wollen cap …

Metti una domenica mattina…Svegliarsi lentamente con il rumore scrosciante della piaggia sui vetri e la casa immersa in una luce tenue e bigia. Il silenzio tutt’intorno, solo il ticchettìo delle gocce. Una colazione frugale e via di corsa a sporcarsi le mani di cucina. La luce che si scalda piano piano, l’orologio che muove le lancette verso la mezza e le voci che finalmente riempiono le stanze. Gli odori che si mescolano, il pane che manca sempre all’appello, il vaso dei fiori freschi pronto per diventare il centrotavola. E poi finalmente gli amici di lunga data che arrivano.

Read More