MEDAGLIONI DI BOLLITO CON SALSA ALLE MELE E CURRY

La Natura è grande nelle grandi cose, ma è grandissima nelle piccole.
(Plinio il Vecchio)

Basta poco

Quel poco che basta a farmi rallentare, fermare, osservare è spesso un’inezia. Ma è fondamentale per ogni mio singolo equilibrio. Non potendo godere di una dimora immersa nella natura (ancora per poco), cerco di scappare dalla città appena posso e trasformare anche una singola domenica in un’occasione per cercare conforto altrove. Viaggio spesso e volentieri, con la fidata amica attorno al collo, portata con fierezza come fosse una collana solo un po’ più pesante. Amici e  familiari che viaggiano con me ormai ci sono abituati. Sia al mio restare indietro perchè ancora intenta a fotografare sia al mio guardare avanti con occhio curioso e affamato. Da tutto questo nascono spesso le mie fotografie. Da un dettaglio, dalla ricerca continua delle piccole cose, da quel poco che basta.

Non è tanto per tutti, lo capisco. Ma tra queste pagine non ci sono pretese, se non quella di soddisfare le proprie (cioè le mie) indiscutibili aspettative e raccontare ogni volta una storia nuova attraverso immagini, parole e racconti legati al cibo. E nel farlo parlare di se stessi. La narrazione fotografica potrà essere a volte estremamente sincera, altre scenografica, ma quello che conta per me è la schiettezza d’animo e l’uso della fantasia. Quel tanto che basta ad ottenere esattamente quel che si vuole raccontare.  Quel poco che basta per sognare ad obiettivo aperto.

Piccole cose in cucina

Anche qui, tra le pareti della mia cucina, mi ritrovo più a mio agio nelle piccole cose. Non sono amante delle preparazioni troppo complesse o lunghe, non mi piacciono le torte a più strati almeno quanto non gradisco ricette  salate lunghe e laboriose o grandi lunghissimi lievitati. E a questo proposito chi crede che da queste parti si preparino solo dolci, non conosce bene la nostra voglia di street food. Tutto ciò che può essere racchiuso in un cartoccio da consumare passeggiando o qualsiasi cosa possa essere contenuta tra le dita prima di essere mangiata, riscontra oltre ogni legittima previsione il nostro amore incondizionato.

Per questo amiamo polpette, frittini, mini burger, crostini….si insomma anche in cucina le piccole cose hanno tutte un gusto speciale. Meglio ancora se possono essere “inzuppate”; meglio ancora se possono essere accompagnate da salse gustose e intingoli che  costringono poi a leccarsi le dita.  Piccoli scrigni croccanti da gustare in un solo boccone. Così come questi medaglioni di bollito, una rivisitazione delle più famose polpette romane, accompagnate da una salsetta alle mele e curry con cui amerete mescolare i sapori . Come tutte le piccole cose, saranno facili e veloci da realizzare, con un sapore che grazie al dado bio curry della Bauer vi porterà a stupirvi della velocità con cui le avrete assaporate. E per i più sofisticati  o per gli scettici delle piccole cose, per quelli per cui il poco non è abbastanza; beh per loro suggerisco di assaggiare questi medaglioni con una tartare di pomodorini bamano aromatizzata al timo, e poi attendo commenti ….

RECIPE

dosi per 4 persone

Per i medaglioni

300 g di manzo magro per bollito

1 carota

1 costa di sedano

1 cipolla

2 foglie di alloro

qualche chiodo di garofano

1 cucchiaino di insaporitore per Gulasch

500 ml di acqua

1 uovo grande

50 g di Parmiggiano Reggiano grattuggiato

qualche rametto di prezzemolo fresco

4 fette di pane in cassetta

1 presa di sale

pan grattato q.b.

olio di semi di girasole

Per la salsa

20 g di burro

2 mele Golden

1 cipolla bianca medio grande

3/4 di dado bio al curry Bauer

curry in polvere q.b.

1/2 bicchiere di acqua calda

sale e pepe q.b.

Iniziate prepardo il bollito. In una pentola grande versate 1 litro d’acqua, unite le verdure lavate e mondate, i chiodi di garofano, l’alloro e il preparato per Gulasch. Portate al bollore dolcemente e unite quindi la carne di manzo. Abbassate la fiamma e lasciate cuocere avendo cura di elimiare con una schiumarola, la schiuma derivante dalla cottura della carne. Unite qualche grano di pepe e lasciate cuocere dolcemente per almeno 3 ore, fino a quando la carne non risulterà morbida e cotta. A quel punto scolate e lasciate raffreddare in un piatto. Prelevate anche la carota usata per il bollito e tenetela da parte.

Intanto preparate la salsa alle mele. In una casseruola fate sciogliere il burro insieme alla cipolla tritata finemente. Unite le mele pulite e tagliate a cubetti e il dado al curry. Coprite con un po’ d’acqua tiepida e lasciate cuocere dolcemente, girando di continuo fino a quando le mele non saranno completamente morbide. A quel punto con l’aiuto di un mixer frullate il tutto fino ad ottenere una crema densa, regolate di sale e pepe e aggiungete curry in polvere a seconda dei gusti, per avere una salsa dal sapore più intenso.

Preparate ora i medaglioni. Tagliate al coltello molto finemente il bollito. Frullate grossolanamente le fette di pane in cassetta (va bene anche del pane duro ammorbidito nel latte) e in una ciotola ampia unite i vari ingredienti: il bollito, il pane, il prezzemolo tritato, il formaggio grattugiato, l’uovo e la carota del bollito tagliata finemente. Mescolate e amalgamate con l’aiuto delle mani, poi iniziate a porzionare ricavando delle palline di circa 40 g.  Usate un coppapasta del diametro di 6 cm per dare a ciascuna pallina la forma di un medaglione, poi ripassate ogni medaglione nel pan grattato. Riscaldate l’olio di semi e quando sarà arrivato a tempeperatura cuocete per pochi minuti i medaglioni da entrambi i lati. Lasciate asciugare su carta assorbente e quindi servite ancora caldi accompagnati dalla salsa alle mele e curry e se gradite da una dadolata di pomodorini bamano aromatizzati al timo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *