AUTUMN ROSES

“Autumn is a second spring when every leaf is a flower”
Albert Camus
La vita stravolge sempre tutto. Strade che pensavi non avresti percorso mai, diventano invece così familiari che ci cammini su scalzo, come fossi a casa tua. Scelte strampalate, di quelle che maledicono il buon senso ed ogni ragionevolezza, si rivelano invece la chiave giusta per la porta giusta. Persone incontrate e conosciute per caso, spesso lontane, impari a conoscerle poco a poco e poi ti ci ritrovi come se ti stessi guardando allo specchio.

Persone che conosci da una vita, che hanno rappresentato anni interi trascorsi a ridere ed esser complici, ad un tratto svaniscono. Poi riappaiono e torni a ridere come se fosse stato solo ieri. Quel gusto che prima detestavi e poi d’improvviso diventa il tuo sapore preferito. Credere per lungo tempo di non esser capace a suonare una nota e ritrovarti a fare “concerti”.
Quante cose programmate, fino al meticoloso dettaglio, son finite nel limbo del “peccato, mi sarebbe piaciuto farle!”… quante invece,  piombate addosso, senza alcuna possibilità di replica, col tempo hanno dato vita a un mondo nuovo. Silenzi assordanti, si alternano a giornate chiare, luminose, dove ogni singolo elemento si muove al tempo di una dolcissima sinfonia.
Quando realizzi l’inafferrabilità del senso di tutto questo, impari anche ad apprezzarne il meraviglioso potenziale. Perchè ogni giorno, ogni decisione, ogni attimo sarà diversa da quello che lo ha preceduto e potrebbe condurti inaspettatamente molto lontano.
Io sono arrivata qui … Non ci sono arrivata da sola, il mio braccio era teso e la mano stretta in quella di qualcuno che col solo sorriso ha saputo guidarmi. A Lei il mio omaggio autunnale e tutte le milioni di parole che rimarranno sospese e non dette, ma so che le avrà ascoltate tutte.
Questo mio mazzo di rose è tutto per te: Mademoiselle Donnet!
ISTRUZIONI PER LA REALIZZAZIONE DELLE ROSE.
Le rose di foglie secche sono una decorazione facilissima da realizzare ma molto scenografica. Sul web è facile trovare diverse demo, ben spiegate e ben fotografate (io non ne sono capace), che possono guidare passo passo alla loro composizione.
Le utilizzo spesso per decorare centro tavola, segnaposti, segna pacchi. In genere si realizzano con le foglie d’acero, più grandi e stellate, io le ho realizzate con un’edera tipica del nostro clima mediterraneo che d’autunno si tinge di un’infinità di sfumature di rosso.
Vi lascio comunque qualche consiglio utile.
Scegliete foglie non troppo secche, altrimenti nel comporle si romperanno subito. Munitevi di spago o nastro adesivo colorato per fisssarle alla base e ricreare il fondo del bocciolo. Non preoccupatevi se qualcuna sfugge, renderà la rosa più realistica e affascinate. Iniziate a comporre il fiore partendo dalle foglie più piccole fino a quelle più grandi. Quando ne avrete realizzate qualcuna potete anche “inciafrugliare” un po’ (come ho fatto io) e usarle a mo’ di potpourri, insieme ad altri elementi tipici dell’autunno come: frutta secca, mele annurche, rami di edera, pigne, bacche.
Oppure legarle insieme e ricreare un vero e proprio mazzo di rose.

2 Comments

  1. Maddalena Laschi 12 novembre 2015

    Bè mi sembra proprio che come inizio non c’è male….anzi sei partita alla grande….
    Niente, io penso di averti già detto tutto ma sono voluta passare per farti i miei più sinceri auguri e complimenti….non ci è dato sapere dove ci porteranno le varie strade della vita, ma ognuna vale la pena di essere vissuta, sentita e amata.
    Io non sono brava a dare consigli ma se mi chiedi qualcosa ci sono e rispondo volentieri…un abbraccio forte!
    Maddy

    Rispondi
    • debora 12 novembre 2015

      Maddalena…che dire?! Con un commento come il tuo praticamente ho le ali ai piedi! Ti ringrazio di cuore. Sinceramente.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *